Ingredienti per una teglia di 34cm di diametro

1,100 – 1,200kg di patate a pasta gialla

1,5kg di cozze

400gr di riso parboiled

3 zucchine medie

300gr circa di polpa di pomodoro (meglio se finissima)

formaggio grattuggiato q.b.

olio extravergine di oliva

1 grossa cipolla

sale

prezzemolo tritato q.b.

pangrattato q.b.

Pulire il guscio delle cozze con una retina (da usare ogni volta solo per questa operazione) per eliminare la “barba” e aprirle a mezzo guscio con l’aiuto dell’apposito coltellino.  In una ciotola, conservare il liquido da parte perchè servirà per la cottura.

Sbucciare le patate e tagliarle a fette (anche con la mandolina) ad uno spessore di circa 3mm e tenerle in una ciotola coperte di acqua fredda.

Sbucciare e sminuzzare la cipolla.

Affettare le zucchine a rondelle. 

In una ciotola versare il riso e coprirlo di acqua fredda.

Iniziamo ad assemblare il tutto.

Condire il fondo della teglia con sale, olio, prezzemolo, cipolle, polpa di pomodoro e formaggio grattuggiato.

Sistemare metà delle fettine patate una accanto all’altra (non sovrapporle così verranno ben condite e la cottura sarà più facile ed uniforme) e condirle come sopra.

Preparare il secondo strato con le cozze sempre disposte ordinatamente, una accanto all’altra.

Distribuire in maniera uniforme il riso messo a mollo e sgocciolato e condirlo sempre con sale, olio, prezzemolo, cipolla, polpa di pomodoro e formaggio grattuggiato.

Terminare con il secondo strato di patate condite sempre allo stesso modo e uno strato di zucchine a rondelle sistemate una accanto all’altra.

Preparare in una ciotola il liquido per la cottura: si può scegliere tra la sola acqua oppure il liquido delle cozze (filtrato attraverso un setaccino rivestito con 2-3 garzine di cotone per eliminare tutti i residui) +  un po’ di acqua per arrivare a circa 500ml; aggiungere il sale e mescolare per bene finchè risulterà tutto sciolto. La misura dell’acqua è orientativa: se ne dovesse servire altra durante la cottura, si farà sempre in tempo a salarne un altro po’ e ad aggiungerla.

Coprire la teglia con un coperchio e metterlo sul gas finchè prende il bollore (questa operazione seve un po’ ad accelerare i tempi di cottura; io l’ho tenuta circa un quarto d’ora e ho avuto cura di ruotare la teglia sulla fiamma in modo da distribuire il calore uniformemente).

Nel frattempo accendere il forno a 200° e preparare un composto di pangrattato e formaggio grattuggiato.

Allontanare la teglia dal fuoco, togliere il coperchio, distribuirvi una spolverata di pangrattato e formaggio e completare con un giro d’olio.

Cuocere in forno caldo, nella parte medio bassa per circa una ventina di minuti (i tempi sono sempre orientativi e dipendono dalla qualità del riso e delle patate; controllare sempre il livello dell’acqua, nel caso aggiungerne altra).

Una volta cotto, sfornare la teglia, farla riposare per almeno 10 minuti e impiattare.

 

Visualizzazioni: 413

Commento

Devi essere membro di Che Schiscia per aggiungere commenti!

Partecipa a Che Schiscia

un'iniziativa di che schiscia

Post sul blog

Per i milanesi la schiscetta di Eataly

Post aggiunto da Luca Greco il 21 Aprile 2015 alle 14:00 0 Commenti

Qualcuno inizia a pensarci! Bella idea...anche se magari per 10 euro vado al bar. Però il cibo dev'essere sicuramente di qualità. Mi piace l'idea che offrano un servizio per le aziende, mi ricorda molto le commedie americane in cui il…

Continua

il risotto

Post aggiunto da Achille il 30 Gennaio 2015 alle 12:24 3 Commenti

Ciao a tutti

ma se volessi portarmi il risotto nella mia schiscetta, avete consigli ?

Non è che diventa mollo e scotto riscaldandosi ? conviene lasciarlo indietro di cottura ? voi schisciatori seriali cosa ne pensate ?

Magari…

Continua

per dormire bene

Post aggiunto da Giulio Mandara il 15 Gennaio 2015 alle 10:30 0 Commenti

Sette "ingredienti" che conciliano il sonno (per rendere meglio al lavoro). Vero che non riguarda direttamente la pausa pranzo (anzi, forse allora è il caso di rimandare queste sette pietanze alla sera) ma riguarda sempre il tema cibo e lavoro! E…

Continua

ne rimarrà solo uno

Post aggiunto da Giulio Mandara il 26 Novembre 2014 alle 13:35 0 Commenti

Sono l'unico rimasto in ufficio con la schiscetta, o almeno ad andare a mangiare staccandomi dalla postazione di lavoro... capita solo a me o l'epoca della schiscetta social vera e non solo virtuale è già finita?

L'esperto consiglia

Attività Recenti

Margherita è ora membro di Che Schiscia
giovedì
Simone Conconi è ora membro di Che Schiscia
8 Nov
Post del blog da Pamela Carbonara
16 Ott
Pamela Carbonara ha pubblicato una foto
16 Ott
Alessia Trabacchin è ora membro di Che Schiscia
16 Ott
Pamela Carbonara hanno cliccato 'Mi è piaciuto' sul profilo di Pamela Carbonara
12 Ott
Post del blog da Pamela Carbonara
12 Ott
Pamela Carbonara è ora membro di Che Schiscia
12 Ott
Lucia è ora membro di Che Schiscia
8 Ott
A Mara piace il post del blog Le origini della "schiscia" di Che Schiscia
5 Ott
Mara è ora membro di Che Schiscia
5 Ott
Mara hanno cliccato 'Mi è piaciuto' sul profilo di Mara
5 Ott

© 2017   Creato da Che Schiscia.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

Web Statistics