Per la base:
  • 75 g di farina integrale bio
  • 100 g di farina 0
  • 125 g di burro freddo tagliato a cubetti
  • un bel pizzico di sale
  • un pizzico di zucchero
Per il ripieno:
  • 2 porri grandi affettati sottilmente
  • una bella manciata di fagiolini tagliati in 3 parti
  • una vaschetta di pancetta affumicata
  • 2 cucchiai d'olio extra vergine
  • 3 uova
  • 200 ml di panna fresca
  • 50 ml di latte
  • sale
  • pepe
Mettere le farine, il sale e lo zucchero nel mixer e dare due o tre impulsi per mescolarli. Aggiungere il burro e sempre con brevi impulsi mescolarlo alla farina fino a che si formano delle briciole. A questo punto si aggiunge poca acqua fredda  e si fa andare il mixer fino a che l'impasto non si compatta. Versare l'impasto su un piano infarinato e con le mani formare un disco schiacciato, avvolgerlo nella pellicola per alimenti e mettere in frigo a riposare per circa 1 ora. Passato questo tempo accendere il forno a 220°C e si procede a preparare il ripieno.
In una padella soffriggere la pancetta nell'olio e quando è dorata aggiungere il porro e si fa rosolare fino a quando il porro si è ammorbidito aggiungendo un goccio d'acqua e coprendo la padella per circa 10 minuti. Nel frattempo cuocere i fagiolini a vapore per circa 10 minuti. Dopo la cottura si mescolano ai porri e alla pancetta. Una volta che il forno è arrivato a temperatura stendere la sfoglia su carta da forno e poi sistemarla in una teglia da crostata. Sull'impasto si mette un altro foglio di carta da forno e si riempie con dei pesi per la cottura in bianco (io ho delle biglie di ceramica ma anche i classici fagioli secchi possono essere usati). Mettere la teglia in forno e far cuocere per circa 25 minuti. Una volta passato questo tempo si tolgono i pesi e la carta da forno su cui poggiavano, inforniamo nuovamente la sfoglia e facciamo cuocere per altri 5 minuti per asciugarla. In una ciotola si sbattono le uova con la panna, il latte, una bella presa di sale e una generosa macinata di pepe. Si sforna la teglia, si versano le verdure all'interno della sfoglia e si ricoprono con il mix di uova.
Di nuovo in forno per circa 20/25 minuti o fino a che la superficie del ripieno comincia e dorarsi e risulta compatta al tatto. Una volta sfornata la quiche si farà intiepidire per almeno una decina di minuti prima di servirla. A me piace a temperatura ambiente, o appena tiepida, i sapori sono più decisi e la consistenza più densa. Il giorno dopo riscladata sarà ancora più buona.

Visualizzazioni: 264

Commento

Devi essere membro di Che Schiscia per aggiungere commenti!

Partecipa a Che Schiscia

Commento da ylenia pilati su 15 Febbraio 2013 a 20:21

ah ok,grazie mille debora,sai non sapevo che la panna fresca si poteva usare sia per le preparazioni dolce che salate,ho acquisito un info in più!!quindi la aggiungo liquida così com'è alle uova?perfetto,proverò,grazie ancora buona serata!!

Commento da Debora Troni su 14 Febbraio 2013 a 13:00

Ciao Ylenia!

Certo che puoi usare la pasta sfoglia, la riempi degli ingredienti e la cuoci in forno a 200°. La panna fresca la trovi nel supermercato nel reparto frigo, quella che si monta che è neutra e si può usare sia in preparazioni salate che dolci. :)

Commento da ylenia pilati su 14 Febbraio 2013 a 12:20

ciao!!ho letto questa ricetta e mi sembra molto interessante..volevo chiedere..se uso la pasta sfoglia normale senza farla va bene uguale?la devo lo stesso farla cuocere in forno prima e riempirla in un secondo momento?? un'ultima domanda..la panna fresca è quella del frigo che soliamente si monta o la panna da cucina dei baratolini??grazie mille buona giornata!! :-)

un'iniziativa di che schiscia

Post sul blog

Per i milanesi la schiscetta di Eataly

Post aggiunto da Luca Greco il 21 Aprile 2015 alle 14:00 0 Commenti

Qualcuno inizia a pensarci! Bella idea...anche se magari per 10 euro vado al bar. Però il cibo dev'essere sicuramente di qualità. Mi piace l'idea che offrano un servizio per le aziende, mi ricorda molto le commedie americane in cui il…

Continua

il risotto

Post aggiunto da Achille il 30 Gennaio 2015 alle 12:24 3 Commenti

Ciao a tutti

ma se volessi portarmi il risotto nella mia schiscetta, avete consigli ?

Non è che diventa mollo e scotto riscaldandosi ? conviene lasciarlo indietro di cottura ? voi schisciatori seriali cosa ne pensate ?

Magari…

Continua

per dormire bene

Post aggiunto da Giulio Mandara il 15 Gennaio 2015 alle 10:30 0 Commenti

Sette "ingredienti" che conciliano il sonno (per rendere meglio al lavoro). Vero che non riguarda direttamente la pausa pranzo (anzi, forse allora è il caso di rimandare queste sette pietanze alla sera) ma riguarda sempre il tema cibo e lavoro! E…

Continua

ne rimarrà solo uno

Post aggiunto da Giulio Mandara il 26 Novembre 2014 alle 13:35 0 Commenti

Sono l'unico rimasto in ufficio con la schiscetta, o almeno ad andare a mangiare staccandomi dalla postazione di lavoro... capita solo a me o l'epoca della schiscetta social vera e non solo virtuale è già finita?

L'esperto consiglia

Attività Recenti

Margherita è ora membro di Che Schiscia
giovedì
Simone Conconi è ora membro di Che Schiscia
8 Nov
Post del blog da Pamela Carbonara
16 Ott
Pamela Carbonara ha pubblicato una foto
16 Ott
Alessia Trabacchin è ora membro di Che Schiscia
16 Ott
Pamela Carbonara hanno cliccato 'Mi è piaciuto' sul profilo di Pamela Carbonara
12 Ott
Post del blog da Pamela Carbonara
12 Ott
Pamela Carbonara è ora membro di Che Schiscia
12 Ott
Lucia è ora membro di Che Schiscia
8 Ott
A Mara piace il post del blog Le origini della "schiscia" di Che Schiscia
5 Ott
Mara è ora membro di Che Schiscia
5 Ott
Mara hanno cliccato 'Mi è piaciuto' sul profilo di Mara
5 Ott

© 2017   Creato da Che Schiscia.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

Web Statistics